Crisi finanziaria mondiale e rapporti Usa – Russia



Affermazioni del presidente Trump

I mercati finanziari mondiali stanno subendo le conseguenze degli ultimi tweet di Trump.

Infatti la scorsa settimana ha attaccato su tweet la Cina dicendo che metterà pesanti dazi doganali e questo ha avuto un immediato impatto sulle Borse per 4mila miliardi di dollari, e nelle ultime ore ha scritto un twwet simile ma contro Mosca.

Queste parole del presidente hanno innescato pesanti ripercussioni sui cambi. Il rublo infatti è crollato del 5% verso il dollaro e le future probabilità di default sono passate dall’8% al 10% per la Russia.

Intreccio politico globale

L’intreccio geopolitico essere sempre più complicato.

La possibile azione militare Usa-Gran Bretagna-Francia contro la Siria e il presidente-dittatore Assad crea tensioni anche a Mosca, dato che il presidente Vladimir Putin che prima del tweet di Trump aveva annunciato di volere abbattere ogni missile che fosse stato lanciato contro la Siria.

Oggi la Russia ha un Pil di 1.300 miliardi di dollari l’anno, 12a nella classifica mondiale. I rendimenti dei bond ovvero dei titoli di stato russi però in queste ultime ore sono calati in Borsa.

Crisi internazionale

Le tensioni internazionali delle ultime settimane infatti hanno portato a una crisi senza precedenti i rapporti economici e finanziari tra Occidente e Russia.

La crisi siriana, il caso Skripal, e le nuove sanzioni annunciate dagli Usa contro la Russia hanno prodotto tale situazione nel contesto politico e diplomatico mondiale, che sta avendo ripercussioni sulla Borsa per la Russia, e anche nell’economia reale del Paese.
Elvira Nabiullina, presidente della Banca Centrale russa, sta cercando di rassicurare i mercati, dicendo che per il momento non ci sono rischi finanziari per il paese e che non servirà alcuna contromisura “sistemica”.

Ma dopo la crisi del 2014, il Paese stava proseguendo verso la ripresa economica ed industriale, la ripresa dei consumi e la stabilizzazione del rublo che ora è a rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *