Carburante: aumentano i prezzi



Purtroppo, ancora una volta, non si può fare a meno di annunciare l’aumento dei prezzi circa il carburante, sia per quanto concerne la benzina e sia per il gasolio.

Attualmente i pezzi della benzina e del diesel sono stati rivisti al rialzo, nonostante i mercati internazionali dei carburanti siano fermi o comunque leggermente in calo. Ad ogni modo – stando a quanto si evince direttamente su Quotidiano Energia – vi è stato un intervento mirato da parte dell’Eni. Questa, difatti, ha deciso di aggiungere sul verse e sul gasolio 1 centesimo in più.

Osservando nel dettaglio quanto è stato elaborato da Quotidiano Energia, pare che i gestori all’Osservaprezzi abbiano riferito questo: praticamente, coloro che decideranno di recarsi al distributore per fare un pieno di benzina dovranno affrontare una spesa media di 1,636 €/l per la modalità “servito”, mentre che per il diesel si parla di una spesa media di 1,490 €/l. Le automobili che, invece, fanno il pieno di GPL si ritrovano a pagare 0,585 €/litro da 0,571 €/l.

Questa nuova “stangata” travolgerà la popolazione italiana ed i turisti che si troveranno sul territorio proprio durante le feste di dicembre e Capodanno. A tal proposito, lo stesso Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell’Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori (Codacons) ha richiesto l’intervento da parte del Governo italiano, proprio per salvaguardare le tasche degli utenti con un’auto, visto che si parla di un grande numero di italiani che si sposteranno proprio in occasione di queste feste.

Per la precisione, si parla di grandi numeri, quantificabili in 12,3 milioni di persone che si sposteranno per strada ed autostrada durante questo periodo dell’anno e gli stessi viaggi comporteranno certamente un’ulteriore spesa per i carburanti.

Il Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell’Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori (Codacons), difatti, riferisce proprio che al 23 dicembre per un pieno di benzina si richiedeva una spesa di 4,45 euro in più rispetto al costo che si era speso lo scorso anno nel medesimo giorno. Per quanto riguarda il diesel, invece, l’aggravio è maggiore: infatti, si parla addirittura di una maggiorazione di 6,2 euro.

Ciò è accaduto giacché i distributori di carburante hanno deciso di modificare i listini alla pompa con un importante aumento: infatti, la verse ossia la benzina è mediamente 6,1% più costosa rispetto allo scorso anno, mentre che il gasolio addirittura è arrivato a sfiorare il +10% e per la precisione si parla del 9,8%.

Gli italiani, quindi, dovranno ancora una volta mettere la mano al portafoglio e pagare qualcosa in più se desidereranno spostarsi con il proprio mezzo di trasporto e non con i mezzi pubblici.  E voi avete già notato questo rincaro presso le pompe di benzina? Che cosa ne pensate? Lasciateci un commento e fateci conoscere la vostra opinione!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *