Nuove detrazioni per figli a carico 2018



La Manovra finanziaria 2018 ha modificato alcune delle regole riguardanti le detrazioni fiscali per i figli a carico.

Quello che interessa maggiormente le famiglie è che nelle detrazioni fiscali 2018 è stata aumentata la soglia di reddito entro la quale si possono avere le detrazioni per figli a carico rispetto alle detrazioni figli a carico 2017 e detrazioni figli a carico 2016.

Il modulo detrazioni figli a carico

Quindi al momento di presentare la dichiarazione dei redditi, o il 730 o Redditi (ex Unico) si dovranno indicare nell’apposito modulo per detrazioni figli a carico.
Tale norma prevede delle detrazioni per figli a carico in busta paga sull’inps per chi è dipendente o delle detrazioni dalla tassazione inps per chi è lavoratore autonomo.

La nuova soglia per fare la domanda è fissata a 4.000 euro e tale norma entrerà in vigore il 1° gennaio 2019. Comprende anche le detrazioni figli a carico maggiorenni fino a 24 anni d’età.

Per i figli che stanno ancora con i genitori di età superiore ai 24 anni e per altri familiari a carico il limite di reddito per uscire dallo stato di familiare a carico in Italia è di 2.840,51 euro all’anno di imposta.

Detrazioni per figli a carico in busta paga

Il Governo ha stanziati per potere dare a una maggiore fascia di popolazioni le detrazioni inps per figli a carico ben 92,8 milioni di euro per il 2019, 132,5 milioni per il 2020 e 119,1 per il 2021.
Ssecondo il ministero dell’Economia,ne beneficieranno ca 132mila contribuenti.

Oltre a questi vi sono quelle famiglie che riceveranno gli assegni famigliari.

Gli assegni familiari

Gli assegni familiari sono una determinata somma stabilita secondo delle tabelle che si riferiscono a determinati parametri di redditi e servono per dare un sostegno alle famiglie di lavoratori e pensionati e si possono sommare alle detrazioni figli a carico in busta paga. L’importo degli assegni familiari cambia a seconda del reddito totale famigliare, del numero e tipologia dei componenti, e se vi è la presenza di figli minori e/o figli ina­bili al lavoro.

Detrazioni per figli a carico maggiorenni

Con la nuova legge di Bilancio un figlio a carico è inteso anche dopo la maggiore età ovvero fin quando “il suo reddito annuo non supera i 2840,51 euro. Dal 2019 l’importo del reddito annuo è aumentato a 4mila euro per i figli under 24.”
Quindi sono previste delle detrazioni per figli a carico maggiorenni.

Qualora il figlio superi i redditi pattuiti il genitore dovrà ritornare la somma con il conguaglio. La detrazione spetta ad entrambi i genitori per il 50%, salvo un accordo che preveda la detrazione al 100% al genitore col maggior reddito.
Se un genitore è a carico dell’altro, il beneficio delle detrazioni per figli a carico spetta a quest’ultimo per il 100%.

Detrazioni fiscali 2018

Gli importi annui per avere la detrazione per figli a carico sono:

da 800 a 950 euro, per ogni figlio che abbia dai tre anni in su;
da 900 a 1.220 euro, per ogni figlio che sia sotto i tre anni;
da 220 a 400 euro, è l’importo aggiuntivo per ogni figlio che sia portatore di handicap.

Come viene calcolata la detrazione

Per calcolare il tetto massimo di reddito da indicare nel modulo detrazioni figli a carico per avere le detrazioni fiscali 2018 sia per figli che per familiari a carico, vanno considerati solo i redditi complessivi IRPEF, soggetti a tassazione ordinaria, compresi quei redditi derivanti da fabbricati assoggettati alla cedolare secca delle locazioni, escludendo però quelli esenti come i redditi di soggetti a tassazione separata, assoggettati a ritenuta o a imposta sostitutiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *