La Russia si riprende con il nuovo anno



L’anno 2017 si è avviato da poco tempo, ma sembra che alcune economie internazionali iniziano già a vedere degli interessanti cambiamenti che porteranno a dei cambiamenti negli scenari del paese. Qualcuno, peraltro, dice anche che in qualche modo, questi cambiamento si prolungheranno anche durante tutto il nuovo anno. Ma sarà davvero così?

Vi state chiedendo di quale nazione stiamo parlando? Si tratta della Russia di Putin che in questo momento dell’anno si trova già davanti ad una ripresa della propria economia e che attualmente vede pure un +17% per la propria valuta, ovvero del rublo. Ciò è essenzialmente dovuto anche alla risalita dei prezzi del petrolio e, con l’inflazione che è calata, dovrebbero anche scendere i tassi; ciò si potrà verificare durante i prossimi mesi, perciò bisogno almeno per ora pazientare ancora un po’. Ma analizziamo meglio la situazione della nazione di Putin!

Dopo esser trascorso un biennio che non è stato per nulla brillante, l’economia della Russia sembra pian piano riprendersi, in seguito alla piccola risalita che sta compiendo proprio ora: come abbiamo già accennato, il petrolio è certamente il primo motivo per cui la situazione economica si ritrova leggermente a mutare. Le vendite del carburante, difatti, consento di far risalire quasi della metà gli introiti statali russi; naturalmente, non possiamo neppure fare a meno di menzionare il gas, altra fonte che permette di andare a premere sull’acceleratore della risalita economica. Entrambi i prodotti, dunque, vanno a costituite i 2/3 delle esportazioni del paese!

Anche per quanto concerne il PIL della Russia, però, vi è stata una revisione al positivo eseguita proprio di recente: infatti, sono state già riviste le stime di quest’anno che, restando comunque negative, passano dal -0,6% al 0,5%. Nel frattempo, Anton Siluanov, il ministro delle finanze russe, ha fatto sapere proprio in questi ultimi giorni che durante il 2017 vi potrebbe essere un cambiamento importante per il paese: difatti, si inizia a parlare di una crescita economica di particolare rilevanza durante questo 2017.

Ma più precisamente, che cosa si vuole intendere? Stando a quanto si dice, sembra che si potrebbe anche addirittura passare dallo +0,6%: in questo modo, si potrebbe arrivare a far segnare un +1,1% circa. Bisogna anche tenere conto che rispetto al mese di novembre è calato ulteriormente anche il dato sull’inflazione, se paragoniamo i dati a quelli del mese di dicembre:  nel dettaglio, difatti, si parla di un passaggio dal 5,5% al 5,8%. Se fosse così, questo dato si confermerebbe essere il livello più basso da 5 anni ad oggi.

Ma che cosa dicono gli economisti russi? Questi pensano che la Banca di Russia potrebbe riuscire a raggiungere il proprio target d’inflazione del 4%. Ad ogni modo, il ministro delle finanze russe ha fatto sapere che il fenomeno a cui si è assistito ad oggi e che ha portato ad un rallentamento dell’economia della Russia non è dovuto solo al petrolio – con conseguente calo del rublo – bensì anche le famiglie russe hanno contribuito diminuendo i propri consumi, facendo calare di conseguenza i prezzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *